Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Bastarde di Francia

La figlia del cardinale

Alessandra Giovanile e Virna Mejetta presentano il loro libro: “Bastarde di Francia – La figlia del cardinale”

Data:

martedì 28 settembre 2021

Visualizzazioni

5

Tempo di lettura:

3 min

La copertina del libro e immagine delle due autrici
La copertina del libro e immagine delle due autrici, Virna Mejetta e Alessandra Giovanile

Cos'è

Alessandra Giovanile e Virna Mejetta presentano il loro libro: “Bastarde di Francia – La figlia del cardinale” (Edizioni Piemme).

Dialogherà con le autrici Francesca Lang, responsabile narrativa italiana PIEMME

«E se “I tre Moschettieri” fossero stati scritti da una mano femminile? Anzi due!
In “Bastarde di Francia” abbiamo voluto raccontare un mondo parallelo a quello narrato dal maestro Alexandre Dumas, concentrando la nostra attenzione sui personaggi femminili. Il contesto è lo stesso: la Francia del XVII secolo, di Louis XIII e del Cardinale Richelieu.
La chiave che abbiamo scelto ci ha permesso di mettere al centro della narrazione due donne che lottano per ritagliarsi un ruolo e un’autodeterminazione in un mondo declinato esclusivamente al maschile, scontrandosi con realtà assai più forti di loro.»

Madeleine e Cécile sono due giovani donne che nella prima metà del XVII secolo vivono gli stessi aneliti di ribellione delle donne di ogni tempo.
 Sono loro le “Bastarde di Francia” che danno il nome alla saga.
Madeleine è bastarda perché non legittimata dal padre; Cécile, anche se cresciuta nell’affetto della famiglia, una volta adulta viene considerata pura merce di scambio in una società che considerava il matrimonio esclusivamente un contratto economico o politico.
Ambedue sono “figlie illegittime” di una società che le considera dipendenti e sottomesse all’autorità maschile.
 Fisicamente simili e vicine per età, sono unite in un destino che le accomuna nel ricordo dei personaggi che le conoscono, perché forzate entrambe all’obbedienza per ragion di Stato.
E nel corso della narrazione troveremo anche altre donne che possono essere definite bastarde della società, a causa delle vicissitudini a cui la vita le sottopone.
Nelle loro peripezie le due giovani sono al centro di un universo popolato da personaggi storici e fittizi, tra cui spiccano i moschettieri, che contribuiscono con le loro personali imprese a tessere l’arazzo su cui si regge l’intera vicenda.
Molta attenzione viene dedicata alle descrizioni degli ambienti e dei dettagli della vita quotidiana del Seicento per indurre nel lettore la cupa atmosfera dell’epoca.
La struttura scelta richiama al tempo stesso quella dei feuilleton ottocenteschi e la serialità delle moderne serie tv, con sommarietti a inizio capitolo, vivaci dialoghi e un crescendo di colpi di scena, tale da tenere sempre viva l’attenzione del lettore e suscitare aspettativa per il seguito delle vicende.

Alessandra Giovanile, da sempre vive a Torino; studia Architettura al Politecnico e lavora per anni a contatto con il pubblico nell’ambito dell’amministrazione del personale.
Nel 2011 apre un blog, ricettedicultura.com, che per i suoi contenuti trasversali tra cucina, storia e cultura, la porta a collaborare con differenti realtà del territorio piemontese, e aziende italiane del settore alimentare. Oggi collabora con alcuni web magazine, scrivendo di cibo e cultura. Come freelance si occupa di consulenza e creazione di contenuti in ambito food.

Virna Mejetta, nata e vissuta a Sesto San Giovanni, si laurea in Architettura al Politecnico di Milano; lavora in uno studio a Barcellona e collabora con le riviste di interior design “Interni” e “Ville e Giardini”. Approda poi nel mondo della moda e fonda un’agenzia di location. Abbandona anche questa realtà, seguendo la sua vocazione di vivere viaggiando, tra traslochi e fusi orari in cinque paesi differenti.
I racconti tragicomici sulle sue esperienze da espatriata viaggiano nel web: la scrittura infatti la aiuta a mantenere il filo delle amicizie sparse per il mondo. Attualmente vive a Barcellona.

L’incontro è parte di “SestoScrive. Scrittrici e scrittori – Storia e Storie”, un’inizitiva, organizzata dalla Sezione locale della Biblioteca per valorizzare autrici e autori sestesi o  libri che hanno Sesto San Giovanni come soggetto.

Info, costo e prenotazione

Ingresso gratuito con green pass
Prenotazione obbligatoria scrivendo a: biblioteca.sestocentrale@csbno.net

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

14/09/2021