Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Meno certificati, più autocertificazioni

Data di pubblicazione:

mercoledì 28 dicembre, 2011

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 30 aprile, 2020

Dal 1° gennaio 2012 la legge n. 183 del 12 novembre 2011 vieta alle pubbliche amministrazioni (Ministeri, Regioni, Provincie, Comuni, Scuole, Università, Prefetture, Questure, Camere di commercio, INPS, ecc…) e ai gestori di servizi pubblici (Atm, Enel, Poste, Ferrovie, ecc.) di chiedere ai cittadini certificati relativi a stati, fatti e qualità personali che possono essere autocertificati.

Che cosa succede?

Meno certificati, più autocertificazioni e rapporti più snelli tra cittadino e uffici pubblici.
Le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi pubblici, infatti, non possono più chiedere e ricevere certificati: devono accettare le autocertificazioni dei cittadini.
E’ compito dell’ufficio chiedere all’amministrazione in possesso dei dati sul cittadino l’invio dell’informazione.

Come fare?

Devi usare l’autocertificazione:

E’ comunque sempre necessario accompagnare questa dichiarazione con un documento di identità valido.

Niente più certificati?

I certificati servono ancora!
La pubblica amministrazione li rilascia quando sono i soggetti privati (banche, assicurazioni, ecc…) a chiederli al cittadino.

Per essere validi tutti i certificati devono riportare la dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”.

N.B. I certificati rilasciati prima del 1° gennaio 2012 non possono più essere usati perché, non riportando la dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”, non sono più validi.

Per saperne di più

  • Legge n.183 del 12 novembre 2011, “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012)”, art. 15,
  • D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 “Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa “.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30/04/2020