Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Scuole: riqualificazione degli spazi e nuovi arredi per l'emergenza covid-19

Con i 400.000 euro di fondi ricevuti sono stati eseguiti i lavori di riqualificazione e adeguamento degli edifici e sono stati acquistati i nuovi arredi scolastici.

Data di pubblicazione:

venerdì 5 marzo, 2021

Tempo di lettura:

4 min

Ultimo aggiornamento:

lunedì 8 marzo, 2021

lavori scuole

progetto scuola - fondo strutturale europeo

📚Il Comune di Sesto ha partecipato al bando pubblico per l’adeguamento di spazi e aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da covid-19, finanziato con i Fondi Strutturali Europei previsti dal Pon (Programma Operativo Nazionale): “Per la scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento 2014-2020 (Avviso 13194 del 24/06/2020 – FESR).

🚧I lavori

Con i 400.000 euro di fondi ricevuti sono stati eseguiti i lavori di riqualificazione e adeguamento degli edifici e sono stati acquistati i nuovi arredi scolastici per realizzare spazi adatti a consentire le misure di distanziamento per la prevenzione del contagio.

🏠Le scuole dove sono stati fatti gli interventi sono:

Istituto comprensivo statale Rovani:
scuola dell’infanzia Primavera
scuola dell’infanzia Vittorino da Feltre
scuola primaria XXV Aprile
scuola primaria Rovani
scuola secondaria di primo grado Forlanini
Istituto comprensivo statale Breda: scuola dell’infanzia Corridoni
scuola primaria Galli
scuola secondaria di primo grado Breda
Istituto comprensivo statale Dante Alighieri:
scuola dell’infanzia Fante d’Italia
scuola dell’infanzia Tonale I
scuola dell’infanzia Tonale II
scuola primaria Dante Alighieri
scuola secondaria di primo grado Falck
Istituto comprensivo statale Martiri della Libertà:
scuola dell’infanzia Marelli
scuola dell’infanzia Monte San Michele
scuola primaria Martiri della Libertà
scuola primaria Oriani

👷🏻‍♂️Cosa abbiamo fatto nel dettaglio

Il progetto di adeguamento di spazi e aule didattiche per le scuole comunali di Sesto San Giovanni ha riguardato principalmente i lavori di adattamento e adeguamento delle aree esterne e in parte degli spazi interni di alcuni Istituti Comprensivi.
Per quanto concerne i lavori nelle aree esterne, si è trattato di fornitura e riparazione di attrezzature per il gioco, di sistemazione (potatura e taglio di arbusti) delle piante, di creazione o sistemazione di vialetti di collegamento.
I lavori negli spazi interni hanno compreso invece la rimozione o lo spostamento degli arredi superflui dalle aule, l’abbattimento di tavolati interni per ampliare le classi, la modifica di alcuni servizi per renderli fruibili anche dalle sezioni delle scuole dell’Infanzia spostate in altri edifici.
Inoltre è stata effettuata una manutenzione di tutti gli spazi esterni e interni delle scuole (anche spazi accessori) di cui si è poi fruito per aumentare il distanziamento fisico, al fine di eliminare pericoli per gli alunni sistemando porte, maniglie, veneziane rotte, etc.
Per consentire una adeguata aerazione di tutti gli ambienti classi esistenti, nuove classi, refettori, nuovi refettori, laboratori e palestre si è reso necessario prevedere una revisione di tutti i serramenti esterni (finestre e porte-finestre) che presentavano problemi di apertura/chiusura (in particolari per le finestre con ante scorrevoli), oltre che ad una revisione delle maniglie e delle serrature.
La scelta degli arredi è stata dettata dalle richieste pervenute dai Dirigenti scolastici e dalla somma a disposizione riservata alla fornitura di arredi stessi (pari a 80.676,11 € IVA esclusa). Tali richieste erano finalizzate all’adattamento degli spazi interni ed esterni per lo svolgimento dell’attività didattica in condizioni di sicurezza e coerenti con la riconfigurazione degli spazi.
Per le scuole primarie e secondarie non è stato possibile dividere il gruppo classe per l’insufficienza del numero di personale docente, per cui le classi sono state svuotate dagli arredi superflui (armadi, tavoli, librerie, ecc.) per lasciare posto al distanziamento dei singoli banchi e della cattedra. Per le classi più numerose si sono dovuti ricercare e/o ricavare spazi alternativi: in alcuni casi si sono riorganizzati gli spazi mensa, in altri si sono dovuti ricavare spazi supplementari.
Per le scuole dell’infanzia è stato invece necessario dividere il gruppo classe in due gruppi più piccoli, e quindi si sono dovuti ricavare classi aggiuntive, ovvero raddoppiare il numero degli spazi classe esistenti in ciascuna scuola. Nella maggior parte dei casi, gli ampi saloni dedicati allo spazio gioco sono stati suddivisi in spazi classe con l’utilizzo di nuovi arredi (in genere armadietti o pannelli mobili). In altri casi, quando lo spazio classe lo consentiva, si è deciso di dividere lo spazio in due parti uguali per poter contenere i due gruppi, sempre con l’utilizzo di nuovi arredi.
Gli interventi più significativi hanno riguardato l’abbattimento di tavolati interni per ricavare spazi adeguati a contenere le classi più numerose e/o spostamenti di sezioni di scuole dell’Infanzia al piano refezione di altre scuole.
I nuovi arredi richiesti sono serviti perciò per sostituire arredi deteriorati e inutilizzabili, o troppo piccoli, o in numero troppo esiguo per consentire il distanziamento, o per attrezzare i nuovi spazi richiesti.

Studenti e studentesse, investiamo nel vostro futuro!

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

08/03/2021