Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Riscaldamento: in che casi si può accendere

Dal 15 aprile i riscaldamenti sono spenti. Non si potranno più accendere i caloriferi in casa, in condominio, a scuola, negli uffici pubblici e nelle aziende private.

Data di pubblicazione:

giovedì 14 aprile, 2022

Tempo di lettura:

1 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 12 maggio, 2022

calorifero

📅Il 15 aprile si spengono i riscaldamenti. Non si potranno più accendere i caloriferi in casa, in condominio, a scuola, negli uffici pubblici e nelle aziende private.
🌧❄Dopo il 15 aprile è possibile accendere il riscaldamento solo con particolari condizioni metereologiche avverse e con temperatura al di sotto della media stagionale.
L’importante è tenere il riscaldamento acceso massimo 7 ore al giorno (dalle 5 alle 23) a una temperatura massima di 20° per le abitazioni e 18° per tutti gli altri edifici (con una tolleranza di 2° in più). tali per cui è necessario tenere accesi i riscaldamenti.


Riferimenti normativi

DELIBERAZIONE N° XI / 3502 Seduta del 05/08/2020
Art 7 Limiti di esercizio degli impianti termici e delle temperature in ambiente
comma 8. Al di fuori di tali periodi e senza alcuna ulteriore disposizione delle Autorità, gli impianti termici possono essere attivati dal Responsabile solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l’esercizio e, comunque, per una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita in via ordinaria.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

12/05/2022