Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Sin dall’inizio del suo insediamento, la nuova Amministrazione ha svolto, con grande responsabilità e coraggio, un lavoro certosino per risanare i danni contabili lasciati dalla precedente Amministrazione, danni responsabilmente denunciati e accertati dal Ministero dell’Interno e dalla Corte dei Conti.

Cosa abbiamo trovato:

-14 milioni di euro di debiti di cassa

-21 milioni di buco di bilancio

-5 milioni di debiti fuori bilancio

-fondo cassa di € 300.000

-debiti commerciali 11.8 milioni

-tempi medi di pagamento: 95 giorni

Cosa abbiamo fatto:

Nell’ottobre 2018 il Consiglio comunale ha approvato un piano di riequilibrio finanziario la cui stretta osservazione ha portato ai seguenti risultati in soli due anni:

-nel 2018 il disavanzo è stato portato dai 21 a 10 milioni di euro, mentre nel 2019 si è scesi da 10 milioni a 805.000 euro. In due anni sono stati recuperati 20 milioni, ripulendo il bilancio da residui molto vecchi, mai riscossi dalle precedenti giunte, e divenuti pertanto inesigibili.

-Sono stati cancellati residui più vecchi di cinque anni per oltre 4,5 milioni senza però sospendere le azioni di recupero che continueranno fin quando non saranno dichiarati inesigibili. Si registra un raddoppio degli accertamenti rispetto al passato che toglie dai bilanci finanziari crediti di difficile esazione così come è stato richiesto dalla Corte dei Conti, quando nel 2017 furono accertate gravi irregolarità contabili.

migliorato anche il fondo di cassa che nel 2017 era di 300.000 euro: nel 2018 era di 8 milioni di euro, nel 2019 di 14 milioni di euro, ora è di 22.7 milioni di euro.

-I debiti commerciali, sono passati da 11.6 milioni di euro del 2018 a 4,4 nel 2019 e 1,3 nel 2020

-I tempi medi di pagamento: da 95 giorni nel 2018 a 52 giorni nel 2019 e 29 nel 2020.

Nel 2020, con larghissimo anticipo, sono stati chiusi i piani di rientro.

In questi tre anni sono state finanziate anche due metropolitane coi fondi dell’ente, senza fare debiti: coperti i 5 milioni di debiti fuori bilancio che sono stati ereditati per il prolungamento della M1 e stanziati i 4,5 milioni di euro di coperture reali per la M5 verso Monza.

Galleria

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

03/05/2021