Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

"Dopo di noi": interventi per persone con disabilità grave senza sostegno familiare

E' aperto il bando "Dopo di noi" che promuove interventi a sostegno di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Leggi come fare la domanda.

sedia arotelle

In applicazione alla Legge n. 112/16, meglio conosciuta come legge sul “Dopo di noi”, che promuove interventi a sostegno di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, è stato pubblicato un bando per l’assegnazione di contributi finalizzati alla realizzazione di soluzioni abitative innovative e di percorsi di autonomia.

La legge sostiene, ove presenti, e promuove lo sviluppo di forme di residenzialità innovativa quali “Gruppo Appartamento” in cui convivono da 2 a 5 persone disabili e soluzioni di Cohousing e Housing (insediamenti composti da abitazioni private corredate da spazi destinati all’uso comune e alla condivisione tra i diversi residenti).

Cosa finanzia il bando

Il bando finanzia due aree di intervento:

Area A) – Interventi di tipo gestionale
Rientrano in questa tipologia di attività:
1. percorsi di accompagnamento all’autonomia. Il percorso di accompagnamento è rivolto sia alla persona con disabilità, per aiutarla a sviluppare e consolidare competenze e capacità della vita adulta, sia alla famiglia per “accompagnarla” nella presa di coscienza del percorso di autonomia del proprio familiare con disabilità e prepararsi gradualmente all’emancipazione dal contesto familiare. Gli interventi in quest’area accompagnano la famiglia e la persona disabile nello sperimentare periodi di “distacco” programmato dalla famiglia (es. week end di autonomia, vacanze, ecc).
2. supporto alla residenzialità in soluzioni residenziali coerenti la Legge 112 (DM all’art. 3, c, 4.) quindi Gruppi appartamento e Cohousing/housing;
3. ricoveri di pronto intervento e sollievo.

Area B) – Interventi di tipo strutturale
Le risorse sono destinate:
• per contribuire ai costi della locazione e spese condominiali di soluzioni residenziali compatibili con quanto previsto dal DM all’art. 3, c, 4.;
spese per adeguamenti per la fruibilità dell’ambiente domestico (domotica e/o riattamento degli alloggi e per la messa a norma degli impianti, la telesorveglianza o tele-assistenza) attraverso investimenti dei familiari anche attraverso donazioni a Fondazioni o enti del terzo settore espressamente finalizzate e vincolate all’avvio di percorsi di vita in co-abitazione), spese per riattamento degli alloggi e per la messa a norma degli impianti, con particolare ma non esclusiva attenzione a strumenti di telesorveglianza o tele-assistenza.

Gli immobili/unità abitative oggetto degli interventi di cui al presente atto non possono essere distolti dalla destinazione per cui è stato presentato il progetto né alienati per un periodo di almeno 5 anni dalla data di assegnazione del contributo.

Chi può fare domanda

Persone con disabilità grave:
• accertata ai sensi dell’art. 3, comma 3 della Legge n. 104/1992, nelle modalità indicate all’art. 4 della medesima legge;
• non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità
• di età compresa tra i 18 e 64 anni
• residenti a Sesto San Giovanni e Cologno Monzese
• prive del sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori, i genitori non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale e si considera la prospettiva del venir meno del sostegno familiare.

Per gli interventi di tipo strutturale possono presentare domanda anche famiglie di persone con disabilità grave, reti associative di famigliari, Enti privati no profit, già proprietari di un appartamento, che intendono destinare alla realizzazione di soluzioni abitative innovative quali Gruppo appartamento/housing, cohousing.

Come e quando fare domanda

Le domande, redatte attraverso l’apposita modulistica, possono essere presentate:

– di persona, su appuntamento. Lo sportello dell’Ufficio Protocollo è al piano -1 del Palazzetto comunale, aperto da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.30

– via pec (da un indirizzo pec) a comune.sestosg@legalmail.it

– via mail all’indirizzo protocollo@sestosg.net In questo caso, il modulo deve essere indirizzato chiaramente all’ufficio destinatario e deve essere consegnato allegando sempre la copia di un documento d’identità valido. Si consiglia, nel testo della mail, di indicare anche un numero di telefono o cellulare. Se manca parte di questa documentazione, la richiesta non verrà protocollata, sarà eliminata e non verrà inviata nessuna comunicazione da parte del Comune.

📅Il bando è senza scadenza, le domande possono essere presentate senza limiti di tempo, e saranno finanziate fino all’esaurimento delle risorse stanziate.

Per info

Dott.sa Eleonora Cola: e.cola@sestosg.net
Dott.ssa Laura Di Muro: l.dimuro@sestosg.net
Segreteria di Settore Socio Educativo: tel. 02.2496736

Documenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

28/12/2021