Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Il Patto per la Lettura. Sesto ha il titolo di Città che legge 20/21

La nostra Città ha adottato il Patto per la Lettura come bene comune. Se sei un operatore culturale puoi farne parte anche tu, leggi come fare. Sesto ha ufficialmente il titolo di "Città che legge"!

“Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere”
Daniel Pennac

📜 Il 20 aprile 2020 Sesto ha adottato il Patto per la Lettura come bene comune! Il patto dura 3 anni e ha come grande obiettivo quello di promuovere la diffusione della lettura, un valore riconosciuto e condiviso, capace di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Che cos’è il Patto per la Lettura

📖 E’ il documento che dà vita all’alleanza tra i protagonisti della filiera culturale del libro che insieme lavorano per realizzare pratiche condivise di promozione della lettura. Il Patto attribuisce infatti alla lettura un alto valore sociale e la classifica come risorsa strategica per la crescita della Città.

Chi può aderire al Patto

I soggetti pubblici e privati produttori di cultura: istituzioni culturali (biblioteche, teatri, associazioni,…), scuole e università, imprese (librerie, case editrici,…), professionisti del settore, enti pubblici (anche ospedali, consultori e Ats), impegnati a vario titolo in attività di promozione culturale.
Tutti insieme con l’unico impegno di ideare e sostenere progetti condivisi sulla lettura!

Come aderire

📩 Compila il modulo e invialo via PEC a comune.sestosg@legalmail.it
La tua candidatura verrà valutata dalla Cabina di Regia (leggi nel Patto, al punto 6, da chi è composta).
Puoi inviare il modulo durante tutto il corso del triennio, cioè fino ad aprile 2023.

Gli obiettivi del Patto

• La promozione della lettura come diffusione della conoscenza e del diritto di ognuno di accedere al patrimonio culturale del territorio
• La lettura come strumento di inclusione
• La formazione alla lettura ad alta voce
• Gli eventi di promozione della lettura 2020 / 2023
Questi obiettivi si declinano in 20 azioni. Leggile nel Patto al punto 5.

Gli impegni se sottoscrivi il patto

🧩Aderendo al Patto, le parti si impegnano a partecipare ai momenti di elaborazione e progettazione, a diffondere la visione e i principi che stanno alla base dei vari progetti, a individuare le risorse e le competenze necessarie per implementare le attività e a partecipare alle azioni derivanti dal Patto stesso.
Un Patto locale per la lettura infatti permette di unire gli sforzi, i mezzi e le iniziative, superare il limite rappresentato dalla frammentazione sul territorio delle competenze e delle risorse per favorire l’aumento degli indici di lettura.

Perchè è importante il Patto per Sesto

📯 logo città che leggeL’approvazione del Patto Locale per la lettura è stato un tassello importante per ottenere, a luglio 2020, il riconoscimento nazionale di “Città che legge”, rilasciato dal Centro per il Libro e la Lettura (Istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo che dipende dalla Direzione Generale Biblioteche e diritto d’autore .) in collaborazione con ANCI, ai comuni che partecipano a un bando annuale (abbiamo presentato la nostra candidatura a fine gennaio 2020). Leggi il comunicato stampa.
Una Città che legge garantisce e facilita ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura. Questo avviene attraverso numerose iniziative, come:
– la presenza di biblioteche e librerie sul territorio
– l’organizzazione di festival, rassegne, e fiere, che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori
– la partecipazione a iniziative congiunte, di promozione della lettura, tra l’Amministrazione, le biblioteche, le scuole, le librerie, le associazioni e ATS presenti sul territorio.

 

In sintesi: il patto in 10 punti

1📜 Il Patto è uno strumento in grado di rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa su più livelli e di riconoscere a ogni cittadino il diritto di leggere (senza discriminazione di alcun genere).
2📜Il Patto si fonda sull’alleanza tra coloro che considerano la lettura una risorsa strategica: l’idea condivisa è quella di aumentare la partecipazione attiva dei soggetti che vogliono investire sulla lettura, considerandola un valore fondamentale per i singoli e per la comunità.
3📜 Il Patto aspira ad avvicinare alla lettura le persone scettiche o lontane da questa pratica, in modo da rafforzare e aumentare le pratiche di lettura incrementando il numero dei cosiddetti lettori abituali.
4📜 Il Patto vuole stimolare i lettori a sentirsi non solo protagonisti della lettura, ma anche a ritenersi veri propagatori di questa disciplina, infondendo il piacere di leggere ad altri individui.
5📜 Il Patto sostiene le fasce di popolazione in difficoltà attraverso azioni positive di coesione sociale: introduce momenti di lettura negli ospedali, nei centri di aggregazione, nelle case di riposo.
6📜 Il Patto favorisce la conoscenza dei luoghi di lettura e delle numerose caratteristiche e qualità che il libro può avere.
7📜 Il Patto incentiva e realizza occasioni di contatto con i libri, nei diversi luoghi e nei diversi momenti della vita quotidiana delle persone.
8📜 Il Patto adotta uno stile di lavoro progettuale in grado di rispettare gli stili, i tempi, e le modalità tra le diverse parti e, soprattutto, basa il suo operato su azioni continuative.
9📜 Il Patto sperimenta e collauda nuovi approcci di promozione alla lettura, assumendosi l’incarico di monitorare e valutare i risultati e gli effetti prodotti.
10📜 Il Patto ritiene, con estrema fiducia, che la lettura sia una delle chiavi per diventare cittadini del mondo.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

08/07/2020