Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Al via la commercializzazione della fibra ultraveloce Open Fiber

Data di pubblicazione:

mercoledì 17 gennaio, 2018

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

mercoledì 17 gennaio, 2018

La fibra ottica Open Fiber diventa realtà anche nell’area metropolitana di Milano: da oggi è infatti possibile accedere alla rete ad altissime prestazioni in quasi 20mila unità immobiliari di Sesto San Giovanni. Si tratta di case, imprese e uffici già cablati, dove i servizi in fibra sono commercializzati dall’azienda partner Wind Tre. Entro fine mese saranno raggiunte altre 15mila abitazioni.

Open Fiber sta cablando l’hinterland milanese in modalità Fiber To The Home (FTTH), portando quindi direttamente a casa dei clienti una infrastruttura che supporta velocità di connessione di 1 Gbps (fino a 1 Gigabit al secondo) consentendo così il massimo delle performance.
Per la realizzazione della rete in tutta la cintura di comuni del capoluogo lombardo, Open Fiber sta investendo un totale di oltre 70 milioni di euro, di cui 5 milioni solo nel territorio di Sesto San Giovanni.

“Siamo particolarmente contenti di questa collaborazione – commenta il sindaco della città, Roberto Di Stefano – che porta Sesto San Giovanni all’avanguardia per quanto riguarda il cablaggio e la rete a banda ultra-larga. La fibra ottica di Open Fiber può stimolare la competitività delle imprese e favorire l’attrattività del territorio. Un’opera che rende il nostro territorio più moderno con l’obiettivo di far diventare Sesto San Giovanni una smart city”.

Wind Tre è l’azienda che per prima ha commercializzato servizi su fibra Open Fiber per il comune di Sesto San Giovanni. L’iniziativa è supportata da una campagna di comunicazione Wind Tre con affissioni locali, attività sui social media e materiale dedicato, riservato ai punti vendita di Sesto San Giovanni.

Open Fiber mira a garantire la copertura delle maggiori città italiane nonché il collegamento delle aree industriali con l’obiettivo di realizzare una rete a banda ultra larga quanto più pervasiva ed efficiente possibile; esattamente ciò che serve a favorire il recupero di competitività del “sistema Paese” e, in particolare, l’evoluzione verso “Industria 4.0”. Una rete capillare in grado di fornire

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

17/01/2018