Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Area B, Di Stefano: "Scelta miope, ideologica e non condivisa con i comuni dell'hinterland"

Data di pubblicazione:

venerdì 3 agosto, 2018

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

venerdì 3 agosto, 2018

“Sono assolutamente contrario – commenta il Sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano – all’introduzione dell’Area B a Milano. Questa scelta, iniqua ed inefficace, penalizzerà l’hinterland milanese e come spesso succede ultimamente è una decisione milanocentrica presa senza consultare i Comuni accanto al capoluogo. Mi chiedo che senso abbia la Città Metropolitana se Sala, che dovrebbe rappresentarla, ragiona esclusivamente come Sindaco di Milano. Dall’aumento Atm all’Area B ormai si moltiplicano le scelte che vengono imposte senza un minimo di condivisione.
Lo ritengo un piano sbagliato che penalizzerà i commercianti e le imprese e colpirà i cittadini che possiedono veicoli diesel e non hanno soldi a disposizione in questo momento per un cambio d’automobile. Sono tanti i sestesi che lavorano a Milano che non comprendono questa scelta che tra l’altro penalizzerà l’intera città con il rischio che diventi un mega parcheggio per i pendolari. Non ha nemmeno senso in termini assoluti visto che solo il 20% del pm10 è prodotto dalle emissioni delle auto. Non capisco poi perchè andare su questa strada senza seguire il Piano Aria di Regione Lombardia che punta a intervenire sui veri problemi come il rinnovo delle caldaie. Anticipare delle misure in autonomia sembra solo l’ennesima crociata ideologica della sinistra. Chiedo a Sala di ripensarci e non portare avanti questo progetto che come al solito non tiene conto degli interessi degli altri comuni della Città Metropolitana”

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

03/08/2018