Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Chiarimenti dell'amministrazione in merito ai problemi nelle piscine Olimpia e De Gregorio

Data di pubblicazione:

lunedì 18 giugno, 2018

Tempo di lettura:

3 min

Ultimo aggiornamento:

lunedì 18 giugno, 2018

In merito ai problemi odierni alla piscina De Gregorio l’amministrazione comunale precisa quanto segue. Gli impianti De Gregorio e Olimpia sono gestiti da Sport Management e per quanto riguarda i servizi energetici dalla società Ets che, dopo una delibera di Consiglio del 2014 della precedente amministrazione, si sarebbe dovuta occupare dell’efficientamento energetico degli impianti.
Il progetto di Ets ha previsto in particolare l’installazione di un cogeneratore in ciascuna piscina e di un impianto solare termico (per la sola piscina Olimpia). L’obiettivo di riduzione dell’indice di energia primaria per la climatizzazione invernale (EPi), secondo legge e in base al contratto, avrebbe dovuto portare un risparmio di almeno il 10 per cento o superiore.
La nuova Amministrazione ha chiesto che venisse svolta un’attività di audit esterno che si è conclusa rilevando innanzitutto una progettazione non conforme alla normativa tecnica, al contratto e al capitolato e, inoltre, errori di progettazione e di realizzazione delle opere. Ci sono stati anche inadempimenti da parte di Ets perché non sono stati prodotti né la certificazione energetica né le rendicontazioni mensili sui consumi.
I cogeneratori, producendo energia termica, producono anche elettricità, destinata ai consumi delle piscine ma non a sufficienza nei termini stabiliti a contratto, a causa dei difetti progettuali e realizzativi. Questo ha portato ETS ad acquistare energia elettrica sul mercato sopportando costi imprevisti che, evidentemente, non è oltre in grado di sostenere.
Ets non riesce più quindi a soddisfare in maniera autonoma quanto previsto dal contratto.
Ets ha deciso oggi di recedere in maniera unilaterale dal contratto, togliendo i contatori dagli impianti. Il Comune di Sesto San Giovanni, di fronte a questo grave disservizio e a una risoluzione unilaterale, ha diffidato l’operatore a riattivare il servizio entro 3 giorni. In caso non sia soddisfatta la richiesta agirà in tutte le sedi opportune, anche attraverso un esposto alla procura della Repubblica, a propria tutela visto il grave inadempimento e l’interruzione del servizio di pubblica utilità.
Sia il Comune di Sesto San Giovanni che Sport Management, il gestore dei servizi natatori, subiscono questa interruzione, dovuta a un’azione irresponsabile da parte di Ets che li danneggia e soprattutto crea problemi alla cittadinanza. Purtroppo questa situazione è conseguenza di una scelta gestionale della precedente amministrazione poco lungimirante che ha creato appunto delle evidenti difficoltà oltre al non raggiungimento dell’obiettivo dell’efficientamento. Si segnala che già ai tempi dell’approvazione della delibera i consiglieri comunali dell’allora opposizione dichiararono forti perplessità sull’utilità del progetto e sui reali valori economici del contratto. In attesa di una risposta positiva alla diffida la piscina De Gregorio e poi la Olimpia potrebbero rimanere chiusi nei prossimi giorni. L’Amministrazione Comunale si sta attivando per risolvere la questione velocemente, qualunque siano le decisioni di Ets.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

18/06/2018