Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Scuola Faruffini trasferita temporaneamente nell'ex Biblioteca dei Ragazzi

In attesa dell'adeguamento di Villa Zorn dopo l'incendio dell'Epifania 2017 durante una festa organizzata dall'Anpi.

Data di pubblicazione:

giovedì 1 ottobre, 2020

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 1 ottobre, 2020

civica d'arte faruffini

La Civica scuola d’arte “Federico Faruffini” si trasferirà temporaneamente nell’ex Biblioteca dei Ragazzi di piazza Oldrini, in attesa di rientrare nella sede storica di Villa Zorn, sopra il ristorante “Il caffè degli artisti” che prende il suo nome proprio dalla scuola.

A causa dell’emergenza covid e alla conseguente necessità da parte della scuola primaria XXV Aprile (precedente sede della Faruffini) di reperire gli spazi necessari a garantire il rispetto del distanziamento sociale previsto per decreto, l’amministrazione comunale si è adoperata fin da subito per trovare una sede alternativa e temporanea alla scuola d’arte, un’eccellenza sestese, aprendo un dialogo costante e molto proficuo coi suoi referenti.

La scelta è ricaduta sugli spazi dell’ex Biblioteca dei Ragazzi, al momento inutilizzati, idonei per le attività della scuola che qui potrà trasferire i propri arredi e le proprie attrezzature. In questi giorni sono iniziati i lavori di adeguamento e messa in sicurezza dei locali che dureranno fino a fine ottobre, dopodiché potranno cominciare le lezioni dell’anno scolastico 2020-2021.

La sede dell’ex Biblioteca dei Ragazzi sarà temporanea, in attesa della sistemazione di Villa Zorn dopo l’incendio scoppiato il 6 gennaio del 2017 durante la Festa della Befana organizzata dall’Anpi, causato da un fumogeno posizionato sulla torretta della villa che ha danneggiato parte del tetto e alcuni locali sottostanti. Conclusi gli interventi da ultimare a Villa Zorn per la sua piena agibilità, la Civica scuola d’arte Faruffini potrà fare rientro nella sua sede storica.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

01/10/2020