Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Coronavirus, il sindaco Di Stefano scrive al governo

"Servono subito 10 miliardi di euro e poteri speciali per i sindaci", ha commentato il sindaco di Sesto San Giovanni

Data di pubblicazione:

giovedì 16 aprile, 2020

Tempo di lettura:

3 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 16 aprile, 2020

uomo che scrive su un documento

l sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, è primo firmatario di una lettera sottoscritta dai sindaci lombardi e inviata al governo per chiedere interventi rapidi e concreti a favore dei Comuni impegnati nella gestione dell’emergenza coronavirus.

“In questa fase molto difficile – spiega il sindaco Di Stefano – come sindaci siamo ogni giorno in prima linea sul territorio per coordinare la macchina amministrativa facendoci carico dei problemi di natura sanitaria, sociale ed economica, ma nonostante la grande efficienza che da sempre ci contraddistingue i 400 milioni di euro di buoni spesa messi a disposizione dal governo per le famiglie più bisognose non sono per nulla sufficienti. Sono solo una piccola parte di quello che il governo dovrebbe stanziare, perché sui nostri territori abbiamo richieste molto superiori rispetto all’offerta. E questo aspetto non può e non deve essere ignorato”.

Nella lettera inviata al Presidente del Consiglio, i sindaci chiedono al governo lo stanziamento immediato di 10 miliardi di euro da aggiungere alle attuali risorse stanziate per il fondo di solidarietà comunale. Chiedono inoltre: l’istituzione urgente da parte dello Stato di un fondo che possa coprire integralmente la spesa che i Comuni sostengono per l’inserimento nelle strutture dei minori affidati dai giudici ai sindaci, al fine di consentire ai Comuni di liberare risorse proprie da destinare ad azioni di rilancio dell’economia locale e di sostegno diretto per chi è in difficoltà a causa dell’emergenza; l’istituzione nel bilancio dello Stato di un fondo da destinare direttamente ai Comuni per sostenere i servizi di educazione e istruzione per l’infanzia, a gestione diretta da parte dei Comuni stessi, in questo momento in grande difficoltà a seguito della sospensione delle attività e dell’incasso delle rette a fronte di spese fisse e continuative, con il rischio di non poter riaprire a settembre; la previsione dell’utilizzo anche integrale, nel 2020, dei proventi delle concessioni edilizie e delle alienazioni dei beni patrimoniali dell’ente, sia in parte corrente che in parte investimenti; provvedimenti urgenti per una reale rinegoziazione dei mutui dei Comuni che prevedano la sospensione dei pagamenti delle rate relative alle annualità 2020-2021- 2022, da corrispondere oltre la scadenza del mutuo stesso; rapidi interventi normativi per portare al 30% il fondo crediti di dubbia esigibilità, con la previsione che l’eventuale disavanzo che potrebbe crearsi sul bilancio 2020-2021- 2022 possa essere ripartito con l’adozione di un piano di rientro trentennale; l’urgente emanazione di specifiche norme che prevedano poteri speciali per i sindaci per velocizzare e far ripartire tutti i cantieri, rilanciare l’economia locale e rafforzare la sicurezza pubblica sui territori.

“Ci rivolgiamo al Presidente Conte e al governo – chiude Roberto Di Stefano – per essere messi nella condizione di avere gli strumenti necessari e sufficienti per tutelare la coesione sociale e per essere protagonisti della Fase 2. Auspichiamo che vengano accolte le nostre richieste e che il governo proceda all’adozione di un decreto legge d’urgenza per emanare tutte le disposizioni normative necessarie”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

16/04/2020