Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Cultura, sabato 16 alla Fototeca apre la mostra "Oltre il confine" di Graziano Perotti

Data di pubblicazione:

mercoledì 13 novembre, 2019

Tempo di lettura:

3 min

Ultimo aggiornamento:

mercoledì 13 novembre, 2019

Appuntamento alla Civica Fototeca Nazionale “Tranquillo Casiraghi” di Sesto San Giovanni con il Premio Nazionale Pino Fantini, vinto quest’anno da Graziano Perotti che esporrà la personale “Oltre il confine”. Sabato 16 novembre alle ore 17 Graziano Perotti incontrerà il pubblico insieme ad un esponente del Gruppo Fotoamatori Sestesi. Wine Break offerto da Drogheria Egidi Enoteca in collaborazione con Gli Amici della Biblioteca. La mostra rimarrà aperta fino al 12 dicembre 2019.

Il Premio Nazionale di Fotografia Pino Fantini, giunto alla sua 16^ edizione, fu istituito per ricordare uno dei più illustri fotografi sestesi ed è da anni uno dei fiori all’occhiello della Fototeca di Sesto San Giovanni. Ogni edizione svoltasi nel passato ha avuto il suo fulcro nella presentazione di opere di artisti di notevole spessore artistico.

“Welcome to Greece” recita un bel manifesto accompagnato dalla figura sorridente di un baffuto nativo in costume tradizionale. Peccato che a smentire il tutto sia la realtà delle tende allestite per ospitare i migranti davanti a cui sta un passeggino mentre una donna e il suo bambino siedono in attesa di chissà che cosa. Fotografo dotato di uno sguardo umanissimo, Graziano Perotti non ha potuto fare a meno di usare il sarcasmo per sintetizzare in una sola immagine le contraddizioni in cui si dibatte il mondo contemporaneo. E’ difficile raccontare la quotidianità di chi vive in una continua attesa con il tempo che si dilata nel nulla, ma Graziano Perotti riesce a farlo con immagini dotate di una profondità insieme fisica e metaforica: entra all’interno in un edificio piastrellato al cui interno è sistemata una tenda, sottolinea le forme essenziali di case tirate su alla buona in mezzo alle pozzanghere, buca il buio della notte inseguendo i tanti sguardi di uomini e donne riuniti intorno ai fuochi improvvisati con cui cucinano”. Roberto Mutti

Note biografiche su Graziano Perotti. E’ nato a Pavia nel 1954 dove tuttora risiede. In veste di fotoreporter ha pubblicato oltre 200 reportage (di viaggio, cultura e sociale) sui più importanti magazine, ottenendo 25 copertine e prodotto foto per importanti campagne pubblicitarie “Grand foulard Bassetti”, Alpitour-Francorosso, Hotelplan, Brunello di Montalcino della Fattoria dei Barbi per citarne alcuni. Di lui hanno scritto e pubblicato lavori su riviste specializzate di fotografia e sui maggior quotidiani italiani i più noti critici. Numerose sono le sue mostre personali e partecipazioni a collettive con grandi fotografi in rassegne di livello internazionale. Recentemente Pio Tarantini lo ha inserito nel suo libro “Fotografia. Elementi fondamentali di linguaggio, storia, stile” tra fotografi contemporanei più significativi. Ha vinto importanti premi in Italia e all’estero “Destino Madrid”, “Scatti Divini”, “Il genio Fiorentino” e sue fotografie sono in importanti collezioni private, fondazioni e musei.

Orari apertura mostra da martedì a venerdì dalle 10.30 alle 18 sabato dalle 10.30 alle 17.45 Chiuso lunedì e festivi.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

13/11/2019