Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Da lunedì 4 maggio riaprono cinque parchi cittadini

Riapriranno: “Giardino Rovani-Bandiera”; “9 Novembre 1989” (viale Gramsci); “Aleramo Comi” (via XXIV Maggio/viale Italia); “Microgiardino Vobarno (via Vobarno/via Lambro); “Giardino Marx-Lombardia”. Inaccessibili le aree giochi.

Data di pubblicazione:

giovedì 30 aprile, 2020

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

venerdì 1 maggio, 2020

Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, ha firmato un’ordinanza che prevede la riapertura di cinque parchi cittadini da lunedì 4 maggio: “Giardino Rovani-Bandiera”; “9 Novembre 1989” (viale Gramsci); “Aleramo Comi” (via XXIV Maggio/viale Italia); “Microgiardino Vobarno (via Vobarno/via Lambro); “Giardino Marx-Lombardia”. Tutti gli altri parchi e giardini della città, recintati e non, resteranno chiusi e interdetti così come resteranno inaccessibili tutte le aree giochi (anche quelle all’interno dei parchi che riapriranno) in base al decreto del governo del 26 aprile.

“Dopo un’attenta valutazione su tutte le aree verdi di Sesto – commenta il sindaco Roberto Di Stefano – abbiamo deciso di riaprire 5 parchi della città, tenendo presenti sia le esigenze dei cittadini che le norme di sicurezza assolutamente da non tralasciare. Dopo i mercati, anche questo è un segnale di ripartenza importante per tornare pian piano alla normalità, con grande responsabilità e nel pieno rispetto di tutte le precauzioni necessarie”.

Ecco le regole da seguire per accedere ai parchi riaperti dall’amministrazione comunale: è vietato l’accesso a chi ha la febbre (temperatura sopra i 37,5°) o manifesta sintomi tipici del coronavirus (tosse, raffreddore, mal di gola, difficoltà respiratorie), per almeno 15 giorni e comunque fino a completa guarigione; è vietato l’accesso a chi è stato in contatto con persone risultate positive al Coronavirus negli ultimi 15 giorni; è vietato entrare senza guanti e mascherina (o qualsiasi altro indumento per coprire naso e bocca); è obbligatorio mantenere almeno 1 metro di distanza dalle altre persone, sia dentro al parco sia nell’attesa di entrare senza creare assembramenti; è obbligatorio buttare mascherina e guanti nel cestino più vicino in modo da evitare rischi di contagio; è obbligatorio limitare i contatti per evitare assembramenti pericolosi; è raccomandato l’uso di una soluzione disinfettante per lavarsi le mani.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

01/05/2020