Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

I modelli dell'Archivio Sacchi alla mostra d'apertura dell'Adi Design Museum

L'amministrazione presterà alcune opere della collezione presente al Mil al prestigioso evento che si terrà a Milano. Torresani: "Felici della collaborazione: daremo visibilità all'Archivio anche fuori Sesto".

Data di pubblicazione:

giovedì 11 febbraio, 2021

Tempo di lettura:

4 min

Visualizzazioni

43

Ultimo aggiornamento:

giovedì 11 febbraio, 2021

Archivio Sacchi

La mostra di apertura dell’ADI Design Museum – Compasso d’Oro* prevista a Milano nella primavera del 2021 sarà più ricca grazie ai modelli e ai disegni di Giovanni Sacchi che l’Amministrazione comunale presterà alla Fondazione ADI – Collezione Compasso d’oro.

La Mostra di apertura del Museo del Compasso d’Oro presenta una significativa selezione delle oltre 350 opere insignite, dalle ventisette Giurie internazionali, con il Premio Compasso d’Oro ADI, le opere che compongono la Collezione costituiscono e testimoniano, di fatto, l’eccellenza, del design italiano degli ultimi settant’anni, con oltre 2000 menzioni d’onore.

Per questo, la Giunta comunale ha deliberato il prestito di alcuni modelli e disegni della collezione di Giovanni Sacchi presente al Museo Industriale del Lavoro di Sesto San Giovanni, per la Mostra di ADI Design Museum – Compasso d’Oro. Si tratta di modelli di macchine da cucire Mirella-Nizzoli-Necchi, dello spremiagrumi Colombini-Kartell, del disegno originale del Tratto Pen, della Caffettiera 9090-Sapper-Alessi, del disegno tecnico originale della bibicletta Zoombike-Sapper, dei disegni tecnici delle Posate Nuova Milano-Sottsass-Alessi, dei modelli in legno e cucchiaio in acciaio delle Posate Dry-Castiglioni-Alessi.

“Siamo molto contenti di questa collaborazione – commenta Maurizio Torresani, assessore al Commercio, Marketing Territoriale e Attività Produttive – nata da una serie di incontri con Osvaldo Sacchi e ADI per capire come valorizzare al meglio la collezione Sacchi e la Bottega non solo dal punto di vista logistico ma, soprattutto, con l’apporto di specifiche competenze. Per questo abbiamo accolto con entusiasmo la richiesta di prestare alcuni modelli e disegni alla prestigiosa Mostra di apertura dell’ADI Design Museum. Sin dal primo incontro Osvaldo Sacchi ci ha trasferito il suo entusiasmo per l’avvio di una collaborazione prestigiosa tra Sesto e Adi Museum. La delibera che autorizza il prestito di disegni e modelli è solo il primo tassello di un progetto condiviso che saprà dare la giusta visibilità alle opere di Giovanni Sacchi anche al di fuori del territorio sestese”.

“La Mostra è un’opportunità importante sia per Sesto che per Milano – dichiara Osvaldo Sacchi, figlio di Giovanni – un “ponte culturale” tra il Museo del Lavoro di Sesto San Giovanni e il Museo del Compasso d’Oro per valorizzare al meglio sia i modelli sia i documenti della storia di oltre 60anni di attività di mio padre. Con l’Amministrazione Comunale di Sesto stiamo lavorando per riunificare la collezione e valorizzare la Bottega Sacchi del MIL con eventi di prestigio in collaborazione con ADI e altri attori del mondo culturale nazionale”.

“L’Archivio dedicato a Giovanni Sacchi, uno dei più importanti prototipisti e modellisti del design e dell’architettura in Italia, unito all’Archivio dell’ADI, costituirà un nucleo di grande attrazione per il pubblico di ricercatori, studenti e studiosi del design italiano – dichiara Luciano Galimberti, presidente ADI – allo stesso tempo lo spazio Mil dedicato alla Bottega Sacchi si presta a essere sede ideale per iniziative di approfondimento e di confronto pubblico sui temi del design e la connessione con l’opera del Maestro”.

“Sono sicuro – chiude l’assessore Torresani – che insieme potremo valorizzare al meglio la collezione Sacchi e, allo stesso tempo, aprire la strada a importanti collaborazioni per far tornare a vivere la Bottega Sacchi ricostruita al MIL non appena saranno terminati i lavori per l’efficientamento della struttura. Non solo: per gli eventi di Sesto Distretto e Fuori dal Fuori Salone, focalizzati anche sul design, potremo contare su una partnership di altissimo profilo con ottime ricadute sul territorio”.

*L’ADI Design Museum – Compasso d’Oro sarà uno spazio dedicato alla creatività, alla cultura del design e alla interazione con la città di Milano e il panorama nazionale e internazionale. Nel 2004 il Ministero per i Beni culturali, Soprintendenza della Lombardia, ha dichiarato la Collezione storica del Premio Compasso d’Oro ADI “Bene di eccezionale interesse artistico e storico”. La Collezione Storica del Premio Compasso d’Oro ADI, infatti, rappresenta un’esperienza italiana unica e irriproducibile nel suo genere (oltre a essere un riferimento internazionale), in quanto la sua caratteristica principale è la sua diacronicità, il suo essersi andata costruendo, nell’arco delle 26 edizioni (dal 1954 ad oggi), per stratificazioni successive, in un percorso intessuto di quotidianità e anticipazioni di modelli di consumo e di vita e che la caratteristica autogenerativa della Collezione, attraverso il Premio Compasso d’Oro ADI, garantisce alla Collezione permanente una connessione con la contemporaneità sempre in divenire.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/02/2021