Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Il Sindaco Roberto Di Stefano, in occasione del XXV anniversario della strage di via D'Amelio, ricorda le vittime della mafia.

Data di pubblicazione:

giovedì 20 luglio, 2017

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 20 luglio, 2017

Ieri sera presso la villa Visconti d’Aragona In occasione del XXV anniversario della strage di via D’Amelio in cui persero la vita Paolo Borsellino e la sua scorta, si sono ricordate le vittime della mafia con un dibattito e un concerto.
Il Sindaco, Roberto Di Stefano, ha portato il saluto dell’Amministrazione: “E’ importante ricordare e mantenere vivo il lavoro, la correttezza, i valori che le persone come Borsellino e Falcone hanno rappresentato. Persone che hanno pagato con la vita il loro impegno nella lotta alla mafia per il bene del nostro paese.
La mafia non è presente solo al sud, come si ripete spesso e a torto: è presente anche nei nostri territori sotto forma di criminalità organizzata. Proprio su questo punto – ha proseguito Di Stefano – su diciassette progetti relativi ai beni confiscati alla mafia in provincia di Milano, ben cinque sono sestesi. Tra questi la sede dell’Informagiovani e altre strutture messe a disposizione di associazioni che si occupano di donne vittime di violenza, tossicodipendenti ed emergenze assistenziali.
Questa nuova Amministrazione avrà sempre come riferimento persone come Falcone e Borsellino, morti per garantire la sicurezza e il rispetto della legalità e che saranno un faro per la nostra attività politica ed amministrativa”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

20/07/2017