Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Scarica i moduli per fare le dichiarazioni sull’imposta di soggiorno su Sestofacile.

A chi si rivolge

Tutte le persone non residenti a Sesto San Giovanni che pernottano negli alberghi, nelle camere in affitto o nei bed & breakfast di Sesto devono pagare l’imposta di soggiorno.

Accedi al servizio

L’imposta va pagata al gestore dell’albergo o della struttura ricettiva o alla persona che affitta le camere.

Costi e vincoli

Le tariffe sono:

per gli alberghi:

  • 4 stelle: 4 euro a notte
  • 3 stelle: 3 euro a notte
  • 2 stelle: 2 euro a notte
  • 1 stella:  1 euro a notte

per le strutture ricettive extra alberghiere

  • affittacamere: 2 euro a notte
  • bed & breakfast: 2 euro a notte

Bisogna pagare l’imposta di soggiorno solo per le prime 5 notti consecutive, anche se la durata del soggiorno è superiore.
Ad esempio, se il soggiorno dura 8 notti, il versamento deve essere fatto comunque per massimo 5 notti.

Chi non paga

Non paga l’imposta di soggiorno:

  • chi è minorenne
  • chi soggiorna per fare terapie in strutture sanitarie della Provincia di Milano
  • chi soggiorna per assistere degenti ricoverati in strutture sanitarie della  Provincia di Milano, (al massimo 2 persone per ogni ricoverato)
  • chi appartiene alle Forze dell’ordine e al Corpo nazionale dei vigili del fuoco e soggiorna per esigenze di servizio

Chi ha diritto all’esenzione deve compilare un’autocertificazione usando un modulo disponibile direttamente negli alberghi e nelle strutture non alberghiere.
Il modulo va poi consegnato all’albergatore o all’affittacamere.

Ulteriori informazioni

Confermato

Informazioni per i gestori degli alberghi e delle strutture ricettive

Il gestore della struttura ricettiva è responsabile della riscossione dell’imposta ed è tenuto ad assicurare una serie di adempimenti.
Dovrà dare agli ospiti informazioni sull’imposta, sulle tariffe applicate e sulle esenzioni previste dalla legge.
Dovrà inoltre:

a) riscuotere l’imposta e rilasciare all’ospite la relativa ricevuta

b) ritirare e conservare le autocertificazioni rilasciate dagli ospiti esenti

c)  versare al Comune gli importi riscossi, entro quindici giorni dalla fine di ciascun trimestre solare.

Può farlo:

  • con bonifico bancario a IBAN IT55L0306920708100000300001 - Banca Intesa San Paolo intestato a Comune di Sesto San Giovanni
  • agli sportelli della Tesoreria Comunale sul codice IBAN IT55L0306920708100000300001

d) presentare la denuncia annuale, entro il 31 gennaio di ciascun anno, con riferimento all’anno precedente.
Nella denuncia dovrà indicare:

  • il numero degli ospiti che hanno pernottato nella struttura nel periodo di riferimento
  • il numero degli ospiti esenti e la relativa causale
  • l’imposta dovuta e gli estremi dei versamenti effettuati a favore del Comune

e)  trasmettere al Comune, entro il 30 gennaio di ogni anno, il conto della gestione relativo all’anno precedente, redatto sul modello approvato con il DPR 194/1996 (Mod. 21). Per le attività di riscossione dell’imposta di soggiorno, infatti, i gestori delle strutture ricettive sono qualificati  “Agenti contabili di fatto”. L’Agente contabile deve rendere annualmente il conto della propria gestione al Comune, che provvede ad inviarlo alla Corte dei Conti per il relativo controllo (Articoli. 93 e 233 del DLgs n. 267/2000 e successive modificazioni).

Riferimenti normativi

Ultimo aggiornamento

14/05/2020