Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Riconoscimento di maternità e paternità

E’ l’atto con cui i genitori riconoscono loro figlio appena nato.

Per il figlio nato da genitori sposati l’atto è contestuale alla denuncia di nascita e basta la firma di uno solo dei genitori.

Per il figlio nato fuori dal matrimonio, l’atto deve essere firmato da entrambi i genitori (se tutti e due lo riconoscono) o da uno solo (se solo uno dei due lo riconosce).

Accedi al servizio

Il riconoscimento può essere fatto al momento della denuncia di nascita da uno o entrambi i genitori che hanno compiuto almeno 16 anni (i minori di 16 devono essere autorizzati da un giudice) e nei riguardi dei quali non esistano impedimenti di legge.

I documenti necessari sono:

  • attestazione di nascita rilasciata dall’ospedale o casa di cura
  • documento d’identità valido (passaporto per i cittadini extracomunitari)

Si può riconoscere un figlio anche successivamente alla nascita con:

  • dichiarazione davanti all’ufficiale di Stato civile del Comune
  • dichiarazione davanti a un notaio o con testamento
  • dichiarazione all’atto del matrimonio dei genitori

In questi casi, per fare l’atto di riconoscimento, bisogna prendere appuntamento all’ufficio di Stato civile e presentarsi con un documento d’identità valido.

Se la persona da riconoscere ha meno di 14 anni, devono presentarsi entrambi i genitori con documento d’identità valido, o passaporto nel caso si tratti di cittadini stranieri.

Se la persona da riconoscere ha più di 14 anni, questa deve essere presente e deve dare il consenso al genitore che lo riconosce. Entrambi devono portare un documento d’identità valido.

Costi e vincoli

La pratica è gratuita se contestuale alla denuncia di nascita.

Per il riconoscimento successivo alla nascita occorre presentare una marca da bollo.

Ulteriori informazioni

Confermato

Riferimenti normativi

  • L. n. 219 del 10/12/2012
  • DPR n. 396 del 03/11/2000
  • L. n. 218 del 31/05/1995

Ultimo aggiornamento

03/06/2020