Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Avis, immobile sequestrato alla mafia destinato a progetti di prevenzione

Il Consiglio comunale di Sesto San Giovanni ha approvato la delibera che prevede la concessione gratuita dell'immobile di via Marconi 8 (bene confiscato alla mafia) ad Avis per sei anni. L'immobile sarà destinato esclusivamente alla realizzazione del progetto “Donare per prevenire malattie e dipendenze”

Data di pubblicazione:

venerdì 28 febbraio, 2020

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

martedì 3 marzo, 2020

logo avis

Il Consiglio comunale di Sesto San Giovanni ha approvato la delibera che prevede la concessione gratuita dell’immobile di via Marconi 8 (bene confiscato alla mafia) ad Avis per sei anni. L’immobile sarà destinato esclusivamente alla realizzazione del progetto “Donare per prevenire malattie e dipendenze” attraverso l’apertura quotidiana di uno sportello informativo in merito all’attività di donazione del sangue, di organi e midollo; incontri pubblici con esperti sul tema della prevenzione delle malattie cardiovascolari, polmonari, nutrizionali e delle dipendenze; attività nelle scuole superiori del territorio mirate a fornire uno screening agli studenti maggiorenni. Allo stesso progetto hanno aderito anche Aido Sesto San Giovanni e Admo Provinciale Milano.

Come previsto dal Documento Unico di Programmazione Esercizio finanziario 2019-2021, tra gli obiettivi e i compiti dell’Amministrazione Comunale c’è quello di dare supporto ai bisogni delle associazioni e alle loro esigenze per promuoverle, ascoltandone le necessità e favorendo la realizzazione dei loro progetti e dei loro scopi. A marzo 2019 era stato pubblicato un avviso pubblico per la ricerca di collaborazioni per la realizzazione di progetti anche in ambito sociale, a cui ha aderito Avis presentando un progetto per la “Promozione del dono del sangue come strumento di tutela della salute pubblica, prevenzione delle malattie cardiovascolari, corretti stili di vita”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

03/03/2020