Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Giornata mondiale delle donne nella scienza, l'intervista all'astrofisica Sabrina Rossi

Il Comune di Sesto San Giovanni dà voce al ruolo femminile in ambito scientifico. L'esempio positivo di GiocheriaLaboratori con il progetto Horizon 2020.

Data di pubblicazione:

giovedì 11 febbraio, 2021

Tempo di lettura:

2 min

Ultimo aggiornamento:

giovedì 11 febbraio, 2021

la fisica delle meraviglie

In occasione della Giornata Mondiale delle donne e delle ragazze nella scienza, proclamata dall’ONU per l’11 febbraio, l’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni ha intervistato Sabrina Rossi, scienziata, ricercatrice, docente universitaria e ora formatrice.

“Abbiamo pensato di dare voce a una scienziata che oggi si dedica a formare le nuove generazioni, per valorizzare l’importante ruolo femminile in ambito scientifico e tecnico – dichiara Alessandra Magro, assessore alla Cultura e alle Pari Opportunità – perché è anche con l’esempio che si invogliano bambine e ragazze ad avvicinarsi alle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathemathics – ossia Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica). La parità di genere è un preciso obiettivo dell’Agenda 2030 e il campo scientifico è ancora appannaggio maschile. La scelta del percorso di studi non è, infatti, ancora libera da stereotipi che dobbiamo combattere ogni giorno”.

Fiore all’occhiello del Comune sull’approccio paritario all’educazione scientifica è il servizio Giocheria: laboratori scientifici per bambini diversificati per età e per aree tematiche e collaborazione all’attivazione di laboratori all’interno delle scuole con lo scopo di approfondire temi legati all’educazione scientifica. E proprio presso Giocheria Laboratori ha preso il via nell’ottobre scorso il progetto C4S – Comunità per le Scienze.

“In Giocheria Laboratori da anni si promuove l’educazione scientifica come approccio inclusivo spiega Roberta Pizzochera, assessore all’Educazione. Il progetto presentato ad Horizon 2020 ha voluto partire dall’educazione scientifica come base comune per tutti, bambini e bambine, ragazzi e ragazze, anche se portatori di bisogni speciali. Il progetto, che ha vinto il bando del Programma UE per la Ricerca e l’Innovazione Horizon 2020, coinvolge 9 città europee, per un totale di 11 partner in Spagna, Italia, Belgio, Austria, Germania, Svezia, Ungheria e Bulgaria. I partner italiani sono 2: l’Università di MilanoBicocca (in particolare, il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa”) e il Comune di Sesto San Giovanni con GiocheriaLaboratori. Il progetto di durata triennale ha lo scopo di promuovere l’educazione scientifica per tutti i bambini e i ragazzi, nessuno escluso. Queste attività saranno pensate e realizzate coinvolgendo anche le famiglie dei bambini e dei ragazzi, gli insegnanti e le associazioni del territorio”.

A questo link è possibile ascoltare l’intervista a Sabrina Rossi.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/02/2021