Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Casa di Comunità in via Oslavia. Di Stefano: "Potenziamento della medicina territoriale"

Team multidisciplinari di medici di medicina generale, pediatri, specialisti, infermieri e assistenti sociali punto di riferimento soprattutto per i malati cronici. In campo Ats e Asst Nord Milano.

Data di pubblicazione:

venerdì 10 dicembre, 2021

Tempo di lettura:

2 min

Visualizzazioni

193

Ultimo aggiornamento:

venerdì 10 dicembre, 2021

medici base

Nella struttura comunale di via Oslavia 1 a Sesto San Giovanni sorgerà una Casa di Comunità, così come previsto dalla fresca riforma sanitaria regionale che prevede Case e Ospedali di Comunità dislocati capillarmente su tutto il territorio lombardo.
“Siamo soddisfatti di aver raggiunto un obiettivo così importante per la nostra città”, dichiarano il sindaco Roberto Di Stefano e l’assessore ai Servizi Sociali, Roberta Pizzochera.
A fine ottobre il Comune aveva ricevuto da Ats il format da compilare con i dati specifici degli immobili che sarebbero stati destinati alle Case di Comunità. La sede di via Oslavia era già rientrata in un documento di presentazione all’interno delle riunioni con Ats perché ritenuta idonea dalla stessa Asst Nord Milano. Ora l’ufficialità.
“Una bellissima notizia per la nostra città – commenta il sindaco Roberto Di Stefano –, frutto di un grande lavoro che abbiamo svolto fianco a fianco con Regione Lombardia, Asst Nord Milano e Ats. I fondi del Pnrr e la riforma della sanità approvata dalla Regione ci danno una grande opportunità: potenziare ulteriormente la medicina territoriale, rendendola ancora più vicina e accessibile ai cittadini”.
Team multidisciplinari di medici di medicina generale, pediatri, specialisti, infermieri e assistenti sociali – spiega l’assessore ai Servizi Sociali, Roberta Pizzochera – coordineranno tutti i servizi e saranno il punto di riferimento soprattutto per i malati cronici. Saranno realizzati anche un’infrastruttura informatica, un punto prelievi e la strumentazione polispecialistica che permetterà di garantire la presa in carico dei pazienti”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

10/12/2021