Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Accordo locale: affitto a canone concordato

I contratti di affitto possono essere stipulati secondo due modalità:

  • contratti liberi: proprietario e inquilino stabiliscono liberamente le condizioni del contratto
  • contratti concordati: proprietario e inquilino stabiliscono le condizioni del contratto d’affitto rispettando un Accordo locale

L’Accordo locale per Sesto è stato firmato il 22 maggio 2017 dalle Organizzazioni sindacali degli inquilini e dalle associazioni dei proprietari alla presenza di un rappresentante di parte politica del Comune.
Leggi il Testo dell’accordo locale.

Agevolazioni per proprietari e inquilini previste dall’Accordo locale

Grazie all’Accordo locale sono previste alcune agevolazioni:

  • per i proprietari (locatori) di case a Sesto agevolazioni fiscali comunali e nazionali, come la riduzione dell’aliquota IMU allo 0,4% e il regime di cedolare secca
  • per gli inquilini (conduttori) la garanzia di avere una casa per un periodo medio-lungo (3+2 anni) a prezzi agevolati

Tipologie di contratti a canone concordato

Sono 3 i tipi di contratto a canone concordato. Di seguito trovate alcune sintetiche indicazioni per orientarvi.
In tutti e tre i contratti il canone viene calcolato in base all’Accordo locale.

  1. Il contratto di locazione a canone concordato ha una durata di 3 + 2 anni.
  2. Il contratto di locazione transitorio per studenti universitari può avere una durata minima di 6 mesi e massima di 36 mesi, all’interno del contratto deve essere espressamente evidenziata l’esigenza dell’inquilino (conduttore) di “abitare l’immobile per un periodo… in quanto frequentante il corso di studi di … presso l’Università di….”
  3. Il contratto di locazione transitorio può avere una durata minima di 1 mese e massima di 18 mesi e l’esigenza della transitorietà del contratto deve essere espressamente dichiarata nel contratto stesso.
    L’esigenza della transitorietà può essere sia:

    • del proprietario (locatore): per esempio quando il proprietario ha l’esigenza di adibire l’immobile ad abitazione propria dei figli, dei genitori o di parenti fino al 2° grado per motivi di trasferimento temporaneo della sede di lavoro, matrimonio dei figli, separazione o divorzio, vicinanza momentanea a congiunti con necessità di assistenza
    • dell’inquilino (conduttore):  per esempio per trasferimento temporaneo della sede di lavoro, separazione o divorzio, assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica o acquisto di abitazione in cooperativa o presso privati entro 18 mesi, vicinanza momentanea a congiunti con necessità di assistenza.

Importante: in conformità all’Accordo locale è possibile stipulare contratti di affitto per singole camere all’interno di unità abitative o comunque per singole porzioni di unità abitative.

Anche in questo caso il canone è calcolato in base all’Accordo locale.

L’azzonamento di Sesto

Per stabilire quanto può valere un appartamento in affitto a canone concordato in una determinata zona della città, Sesto è stata divisa in quattro zone che hanno valori d’affitto diversi: guarda la Piantina delle 4 zone e scarica l’elenco delle vie  per vedere la via che ti interessa in che zona si trova.

Ogni zona – a sua volta – è divisa in tre fasce, definite sulla base di alcuni parametri relativi alle condizioni dell’alloggio che ne fanno aumentare o diminuire il valore di affitto: leggi gli importi minimi e massimi di affitto di ogni fascia per ciascuna zona.

Attestazione

L’Accordo Locale prevede la compilazione di un’Attestazione (Attestazione bilaterale di rispondenza – affitto a canone concordato), co-firmata dal proprietario, dall’inquilino e dalle organizzazioni sindacali che li rappresentano.

Questa attestazione garantisce sia all’inquilino che al proprietario che il contratto d’affitto rispetti tutte le indicazioni dell’Accordo locale e quindi rende legittime le agevolazioni fiscali che ne derivano.

Scarica il modulo di Attestazione e consegnalo, compilato in tutte le parti, al Protocollo che lo inoltrerà poi all’ufficio Tributi e all’Agenzia Casa per le successive verifiche.

Per informazioni e assistenza e per la compilazione dell’Attestazione puoi fare riferimento alle seguenti organizzazioni:

Associazioni dei proprietari:

Associazioni sindacali degli inquilini:

Normativa

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

27/04/2020