Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Contributo di solidarietà all'affitto 2020 per chi vive in una casa del Servizio Abitativo Pubblico (casa comunale no ALER)

Fino al 23 ottobre 2020 puoi fare domanda. Leggi se hai i requisiti e come fare.

condomini
An urban town scene illustration

Regione Lombardia, dopo i tre anni di sperimentazione, ha emanato un nuovo regolamento per disciplinare la richiesta del Contributo di solidarietà all’affitto per chi vive in case comunali SAP (Regolamento n. 11 del 2019).

Cos’è

E’ un contributo di Regione Lombardia per le famiglie che vivono in una casa comunale (SAP – Servizi Abitativi Pubblici) e si trovano situazione di comprovata difficoltà economica, tale da non permettergli di pagare l’affitto e le spese condominiali dell’appartamento in cui abitano.
Regione Lombardia, per chi ne ha diritto, versa il contributo di solidarietà direttamente al Comune che lo erogherà sulle partite contabili degli inquilini come rimborso per servizi dell’anno di riferimento o per l’eventuale debito pregresso dell’affitto.

Chi può fare domanda: i requisiti

Puoi richiedere il contributo se, alla data del 15 settembre 2020:
a. sei incluso nelle aree della protezione, dell’accesso o della permanenza (articolo 31, della legge regionale 27/2009);
b. hai un assegnazione da almeno ventiquattro mesi di un alloggio SAP (con riferimento alla data di stipula del contratto di affitto)
c. hai un ISEE ordinario in corso di validità, riferito al 2020, inferiore a euro 9.360,00;
d. hai una soglia patrimoniale corrispondente a quella prevista per l’accesso ai Sap come indicato dall’art. 7 comma 1, lettera c) punti 1) e 2) del Regolamento Regionale 4/2017 (vedi l’allegato A);
e. non hai un provvedimento di decadenza per il verificarsi di una delle condizioni di cui ai punti 3) e 4) della lettera a) del comma 1 dell’articolo 25 del regolamento regionale 4/2017 o di una delle violazioni di cui alle lettere b), c), d), e), f), g), h), i), j) del comma 1 e del comma 4 dello stesso articolo 25 (vedi l’allegato A).

Valore e uso del contributo

Per le famiglie che hanno avuto l’ assegnazione di un alloggio sap in quanto in graduatoria come indigenti (Bando Sap sperimentale 2018), il contributo ha un importo massimo di euro 1.850 ed è finalizzato alla copertura del canone di affitto e dei servizi a rimborso per un periodo non superiore ai 36 mesi a decorrere dalla data di stipula del contratto di affitto.
Per le famiglie assegnatarie di un alloggio Sap  che si trovano in una condizione di comprovata difficoltà economica, il contributo è di un importo massimo di euro 2.700,00;
In questo caso il contributo serve per:
• prima di tutto alla copertura delle spese dei servizi comuni a rimborso dell’anno di riferimento 2020
• successivamente, l’eventuale copertura del debito pregresso.

L’erogazione del contribuito è subordinata alla effettiva disponibilità dei fondi assegnati da Regione Lombardia e alle decisioni del Nucleo di Valutazione.

Come fare domanda

La domanda si fa online: https://procedimenti.sestosg.net/ (attiva dal 21 settembre 2020)
Prima di compilarla devi registrarti, puoi farlo in tre modi: con Spid, tessera sanitaria e pin oppure nome utente, password e la mail.

N.B. Alla domanda devi allegare:
una foto o scansione dell’attestazione ISEE in corso di validità nel 2020. Le domande che ci arriveranno senza la copia dell’ ISEE verranno rifiutate
una foto o scansione della carta d’identità o del permesso di soggiorno (in corso di validità)

Quando

Devi fare la domanda dal 21 settembre al 23 ottobre 2020.

Graduatoria

Il Comune, dopo le verifiche sui requisiti, stila una graduatoria che è composta dalle domande ammissibili e finanziabili, ammissibili e non finanziabili per esaurimento delle risorse e dalle domande non ammissibili.
La graduatoria sarà affissa nell‘atrio dell’Agenzia per la Casa in via Benedetto Croce n. 28 e pubblicata su questo sito.
Saranno escluse le domande:
a) pervenute da nuclei familiari che non risultino in possesso di anche uno solo dei requisiti indicati dal bando
b) inoltrate incomplete
c) inoltrate da inquilini assegnatari di Servizi Abitativi Pubblici che hanno reso dichiarazioni mendaci in occasione dell’aggiornamento dell’anagrafe utenza
d) pervenute oltre il termine fissato per la presentazione del 23 ottobre 2020
e) pervenute attraverso sistemi diversi da quelli indicati al punto 5.

Per info e domande

Il servizio Agenzia Casa risponde alle richieste di chiarimenti:
– alla mail: contributosolidarieta2020@sestosg.net
– a questi numeri: 02 24 96 89 17 – 02 24 96 89 30 dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30.

Leggi nel dettaglio il bando completo in fondo alla pagina

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

01/12/2020