Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Morosità incolpevole: un aiuto per continuare a pagare l'affitto

Il bando per accedere alla misura di morosità incolpevole è in fase di aggiornamento e quindi è momentaneamente sospeso.
Vi teniamo aggiornati su questa pagina avvisandovi non appena riaprirà e vi daremo tutte le informazioni utili per partecipare.

Se non riesci più a pagare l’affitto per motivi che non dipendono da te e hai ricevuto uno sfratto puoi chiedere un contributo al Comune.

I fondi sono stanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che li ha trasferiti alle Regioni e infine distribuiti ai Comuni.

Che cos’è la morosità incolpevole

E’ l’impossibilità di pagare l’affitto perché è diminuito o è venuto meno il reddito familiare.
Le cause di questa perdita possono essere:

  • perdita del lavoro per licenziamento
  • riduzione dell’orario di lavoro
  • cassa integrazione ordinaria o straordinaria
  • mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici
  • chiusura di attività libero-professionali o di imprese registrate
  • malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che contribuiva con il suo reddito

A chi si rivolge

Puoi presentare la domanda se hai tutti questi requisiti:

  • non riesci a pagare l’affitto perché hai perso il lavoro o il tuo reddito si è ridotto in modo significativo
  • hai un contratto d’affitto di tipo privato a Sesto San Giovanni (no case comunali o ALER).
    N.B. il contratto di affitto deve essere stato stipulato prima della perdita del lavoro o della riduzione del reddito familiare
  • il tuo valore I.S.E.E. è inferiore a 26.000 o un reddito I.S.E. non superiore a 35.000

N.B. La casa in cui abiti deve essere la residenza unica o principale della famiglia e nessun componente della tua famiglia deve essere titolare del diritto di proprietà o altri diritti reali di godimento su un altro alloggio nella provincia di Milano.

Inoltre, nessun componente della famiglia deve avere ottenuto l’assegnazione in proprietà immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici o aver ricevuto finanziamenti in qualunque forma concessi dallo Stato e da enti pubblici.

Accedi al servizio

Scarica il modulo da questa pagina (oppure ritirala all’Agenzia per la casa) e consegnalo insieme agli allegati:

  • via PEC a comune.sestosg@legalmail.it (manda la mail da un indirizzo PEC)
  • con la posta ordinaria a: Comune di Sesto San Giovanni, piazza della Resistenza 20, 20099 Sesto San  Giovanni
  • a mano all’ufficio Protocollo del Comune, in piazza della Resistenza, 20
Cosa si ottiene

Se hai tutti i requisiti il Comune può far rinviare lo sfratto esecutivo e darti un contributo per stipulare un nuovo contratto di affitto, rinegoziare il contratto attuale o pagare direttamente il proprietario della casa in cui abiti.

Per saperne di più leggi il bando nel dettaglio.

Documenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

26/06/2020